M.I.T.O. - Evento Conclusivo ISPRA

14:34 lorenzo amato 0 Comments

Il 31 Marzo 2016, ospitato presso la sala conferenze della sede Unicef di Roma, si è tenuto il workshop "La partecipazione pubblica al monitoraggio ambientale: la rete SINAnet e il contributo del progetto MITO" organizzato dall' Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) a conclusione del progetto M.I.T.O. (Multimedia Information for Territorial Objects).


Il Presidente dell'ISPRA Bernardo De Bernardinis ha ringraziato il CNR e il laboratorio geoSDI che "ha preso parte al progetto dando gli input per la realizzazione della piattaforma". Come ha ribadito poi Valter Sambucini, responsabile ISPRA del progetto MITO, elemento fondamentale nella realizzazione del progetto è stato "l'adozione di Geo-Platform e delle tecnologie geoSDI che hanno fornito il motore della piattaforma nella direzione di integrazione di informazioni da sorgenti scientifiche validate e dalle sorgenti diffuse della citizen science".

Il progetto ha visto la realizzazione di una rete di laboratori specializzati nella gestione di infrastrutture per l’informazione territoriale – come definite nel decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 32 (Attuazione della direttiva 2007/2/CE, che istituisce un'infrastruttura per l'informazione territoriale nella Comunità europea - INSPIRE).  Più in dettaglio, il Progetto MITO assume come orizzonte operativo quello della conservazione digitale di lungo periodo (long term digital preservation) delle conoscenze territoriali ed in particolare dei prodotti/risultati (anche intermedi) delle attività di ricerca, attraverso l’utilizzo di soluzioni standard aperte, utilizzabili in un quadro di cooperazione con altre istituzioni nazionali e in coerenza con le raccomandazioni di Horizon 2020. I Soggetti Attuatori del Progetto MITO sono stati l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), il Politecnico di Bari, l'Università Parthenope di Napoli, l' Università degli Studi di Napoli “Federico Il”, l'Università degli Studi di Salerno, la Seconda Università degli Studi di Napoli.
Tutti i partner del progetto hanno colto l'occasione dell'evento organizzato da ISPRA per presentare i risultati applicativi raggiunti grazie all'adozione della piattaforma.
A seguito dei momenti illustrativi, un dibattito è stato aperto guardando al futuro, partendo dall'intervento di Dimitri Dello Buono sulle emanazioni che l'adozione delle tecnologie opensource ha già provocato in contesti Locali, Nazionali e Internazionali.
Alcuni esempi sono il progetto i.TER della Regione Campania (Anagrafe delle entità e degli eventi territoriali),  l'aggiornamento e l'integrazione con i risultati di M.I.T.O. del sistema SITDPC, Sistema Informativo Territoriale del Dipartimento della Protezione Civile, l'impiego dei framework cui M.I.T.O. ha contribuito nei Piani Nazionali per la Ricerca Militare (PNRM), l'adozione di tecnologie di interoperabilità di servizi e archiviazione NoSQL in sistemi di Early Warning sviluppati in collaborazione con le Nazioni Unite.








March 31, 2016,  the conference hall of the UNICEF office in Rome, hosted the workshop "Public participation in environmental monitoring: the SINAnet network and the contribution of the MITO project" organized by the 'Institute for Protection and Research environmental (Ispra) at the conclusion of the project MITO (Multimedia Information for Territorial Objects).

The President of ISPRA Bernardo De Bernardinis thanked the CNR and the geoSDI laboratory that "took part in the project by giving inputs for the building of the platform." How then reiterated Valter Sambucini, responsible of the MITO project for ISPRA, a key element in the realization of the project was "the adoption of Geo-Platform and geoSDI technology that provided the engine of the platform in the direction of integration of information from scientific validated sources and from diffuse sources of citizen science".

The project has seen the creation of a network of laboratories specializing in the management of infrastructures for spatial information - as defined in the Legislative Decree 27 January 2010, n. 32 (Implementation of Directive 2007/2 / EC establishing an Infrastructure for Spatial Information in Europe - INSPIRE). More specifically, the project MITO assumes as an operating horizon that of long-term digital preservation of local knowledge and in particular of the products / results of research activities, through the use of open  and standard solutions, usable in a framework of cooperation with other national institutions and in line with the recommendations of Horizon 2020.  MITO Project Partners were the Institute for Environmental Protection and Research (ISPRA), the Polytechnic of Bari, Parthenope University of Naples, the University of Naples "Federico II", the University of Salerno, the Second University of Naples.
All project partners have taken the opportunity of the event organized by ISPRA to present the results achieved with the adoption of the platform.
Following the illustrative moments, a debate was opened looking to the future, starting by the intervention of Dimitri Dello Buono on the emanations that the adoption of open source technologies has already caused in Local, National and International contexts.
Examples include I.ter project in Campania Region (Registry of entities and territorial events), the update and the integration with the results of M.I.T.O. of SITDPC system, the Department of Civil Protection Geographic Information System, the use of the framework contribution in the National Plans of Military Research (PNRM), the adoption of interoperable technologies services and NoSQL storage in Early Warning Systems developed in collaboration with the United Nations.

0 commenti :